Show more

CORTEO A BERGAMO DOPO LO SGOMBERO DELLA KASCINA

Ieri sera un corteo ha attraversato il quartiere Monterosso di Bergamo dopo che ieri mattina uno sgombero improvviso si è abbattuto sulla Kascina Autogestita Popolare Angelica "Cocca" Casile dopo anni di occupazione.

LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DI NUOVO IN PIAZZA

"Non ci può essere una "ripartenza" calpestando diritti e dignità delle lavoratrici e dei lavoratori. Sono inaccettabili le tariffe a ribasso che vengono proposte in questo periodo di crisi, gli straordinari non pagati, i contributi non versati, i contratti farlocchi, la mancata volontà di regolamentare le capienze in percentuale ai posti effettivi delle location, gli aiuti in ritardo e insufficienti".

INVARIATI GLI ARTICOLI CONTRO LE LOTTE SOCIALI

L’aspetto più significativo, ovviamente passato sotto silenzio è il fatto che le norme introdotte da Salvini sull’ordine pubblico .
La destra quindi, pur non essendo al governo, ancora una volta è stata capace di dettare l’agenda politica e far diventare opinione corrente un’impostazione punitiva del diritto penale nel confronti delle lotte sociali.

milanoinmovimento.com/moviment

SGOMBERO A BERGAMO

Questa mattina un intero quartiere di Bergamo è stato militarizzato per procedere allo sgombero della Kascina Autogestita Popolare Angelica "Cocca" Casile. Il tutto col silenzio complice del sindaco Gori e del PD che, quando si tratta di inseguire la destra sul suo terreno, sono sempre imbattibili.
Seguiranno aggiornamenti.

SGOMBERO AL PARCO NORD

Questa mattina i Carabinieri sono intervenuti a sgomberare il picchetto organizzato dai comitati che bloccava i lavori di abbattimento degli alberi per consolidare una sponda del Seveso. I due grossi problemi sono che sui lavori pende un esposto che non ha ancora avuto risposta e che i lavori sulla sponda avrebbero dovuto essere eseguiti solo dopo il completamento della vasca di laminazione.

FLASH MOB ALLA RAI VERSO IL CLIMATE STRIKE

A pochi giorni dal sesto sciopero globale di questo venerdì, Fridays For Future Milano ha effettuato un flash mob di fronte alla sede Rai di corso Sempione per spezzare il silenzio dei media attorno alla crisi climatica.
Infatti da quando l'epidemia di Covid-19 è tragicamente entrata agli onori della cronaca, il cambiamento climatico è sparito dai palinsesti.


COVID - DISASTRO LOMBARDO

Mentre lo scontro tra Comune e Regione sui vaccini antinfluenzali diventa durissimo il comitato Noi Denunceremo attacca la gestione della pandemia dichiarando: “C’è un limite a tutto. Assistere ad un presidente che millanta successi nella gestione del coronavirus quando quasi il 50% dei decessi per coronavirus a livello nazionale è avvenuto proprio sul territorio da lui amministrato è inaccettabile”.


milanoinmovimento.com/evidenza

CATANIA CONTRO SALVINI

Ieri, in occasione dell'udienza preliminare nei confronti di Salvini per il caso Gregoretti una parte della città è scesa in piazza per contestare la presenza del leader leghista pronto a recitare il ruolo della vittima perseguitata e dell'eroe difensore dei confini della patria.
Molti siciliani hanno la memoria lunga e ricordano bene come la Lega abbia lucrato per anni sull'odio anti-meridionale per non parlare dei cori beceri sull'Etna.


PRESIDIO IN PREFETTURA CONTRO IL CPR

Nonostante il diluvio centinaia di antirazzisti e antirazzisti di sono dati appuntamento sotto la Prefettura di Milano per l'iniziativa contro il Cpr di via Corelli.

CONTRO IL LAGER DI MILANO

Decine di persone hanno bloccato via Corelli invitando la città a raggiungere un presidio contro la rimessa in funzione dell’ex-Cie, già ampiamente contestata dai movimenti ma a cui le istituzioni cittadine si oppongono con scarsa convinzione.

milanoinmovimento.com/primo-pi

NOCPR - BLOCCATA VIA CORELLI

Oggi, quando si è diffusa la notizia dei primi trasferimenti, gli antirazzisti della rete hanno bloccato la via che conduce al nuovo lager di Milano.
Venerdì alle 18,30 ci sarà un presidio davanti alla Prefettura.

IL PRESIDIO DI IERI

"I giudici hanno giudicato la donna secondo i parametri della nostra società patriarcale, per la quale la “disinvoltura” di una donna è un’offesa per l’uomo che sta con lei e secondo cui la fedeltà è un obbligo (per le donne ovviamente).
Parametri che non usano per altri reati: quando viene rubata un’auto, quando avviene una rapina in banca, o uno scippo per strada non si dà la colpa al proprietario del bene".


milanoinmovimento.com/primo-pi

PRESIDIO AL TRIBUNALE DI MILANO

"Apprendiamo che è stata ridotta la pena all’uomo che aveva insultato e inveito contro la convivente alla quale «imputava tradimenti con uomini conosciuti su Facebook».
Più della limatura di pena, ciò che risalta è la motivazione: l’idea che, in un «contesto familiare degradato» l’intensità del dolo di quei tre reati sia attenuata dal fatto che l’uomo «mite» fosse stato «esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna»".

milanoinmovimento.com/eventi/s

Corsico non si Lega – Salvini nuovamente contestato

L’avevamo lasciato sabato a un comizio a Formello mentre dichiarava di essere febbricitante e di essere in giro nonostante le raccomandazioni del medico curante salvo poi ritrattare dopo che la sua sparata era diventata virale scatenando la rabbia di molti…
…lo abbiamo ritrovato domenica protagonista dell’ennesimo comizio a Corsico.
E anche a Corsico Matteo Salvini ha portato a casa l’ennesima contestazione di massa.

milanoinmovimento.com/moviment

PARTIZAN - PORTE CHIUSE, 5 GOL E PRIMI 3 PUNTI

Grande esordio in campionato per i rosafluo che con un travolgente 5 a 1 portano a casa i primi tre punti.
Si gioca in un’atmosfera surreale, con le porte del campo chiuse con il lucchetto e gli innamorati del arrampicati su scale, muri e macchine per riuscire a intravedere la goleada da fuori il centro sportivo.

milanoinmovimento.com/milano/p

L'APERTURA DEL CPR A MILANO

"E’ una città che sembra anestetizzata, ad accogliere la notizia che da lunedì 28 settembre aprirà le porte, anzi le sbarre, a Milano, per richiuderle per mesi e mesi alle spalle di chi non ha un permesso di soggiorno".
Questo parte dell'appello con cui la rete invita alla partecipazione al presidio del 2 ottobre alle 18,30 davanti alla Prefettura.

milanoinmovimento.com/primo-pi

27 SETTEMBRE 1975

il 27 settembre 1975 cinque militanti antifascisti vennero giustiziati a Madrid, Barcellona e Burgos. Le vittim si chiamavano José Humberto Baena, José Luis Sánchez Bravo, Ramón García Sanz, Juan Paredes Manot e Ángel Otaegui.
Questo inutile gesto di ferocia fuori tempo massimo scatenò durissime reazioni in tutto il mondo, con l'Italia in prima fila.

milanoinmovimento.com/moviment

15 ANNI FA L'OMICIDIO DI FEDERICO ALDROVANDI

"Non mi uccise la morte, ma due guardie bigotte
Mi cercarono l'anima a forza di botte" (F. De Andrè, Un blasfemo)

SCUOLA - PIU' DI 1.000 IN PIAZZA

Non era e non è facile portare persone in piazza districandosi tra le maglie molto strette della legislazione imposta dall’emergenza Covid.
Si può quindi affermare che la mobilitazione di questa mattina sul tema della scuola è riuscita.
Una mobilitazione che ha unito sia lavoratori in sciopero che studenti e studentesse delle scuole superiori.

milanoinmovimento.com/primo-pi

FEMI - FESTIVAL DELL'EDITORIA E DELLA MUSICA INDIPENDENTI

Siamo ormai arrivati alla terza edizione di FEMI che verrà ospitato a LUMe tra il 25 e il 27 settembre. In un anno pesantemente caratterizzato dall'epidemia di Covid e dalle sue drammatiche conseguenze non si è rinunciato a ospitare un'iniziativa che parlasse di cultura.

milanoinmovimento.com/culture/

Show more
NEBBIA

Nebbia è libera, antifascista, antisessista e antimilitarista