Follow

Nella libera Milano non si può più consumare alcool in piedi dopo le 19. Potete andare per locali o comprarlo dalla gdo, i mini-market degli immigrati non lo possono più vendere, gli umani non se lo possono portar da casa.

..ma la cosa più incredibile è che il sindaco Beppe Sala si giustifica con le molte segnalazioni che gli giungono: crea la domanda e la risposta di repressione (di un consumo libero e distanziato) per promuovere una postura più commerciale, elitaria e densificata.

Show thread

@abuzzo3 Arriveremo a risolvere tutto mettendo le bottiglie in un sacchetto di carta, come fanno in mezza Europa.
Che vuol dire "a risolvere cosa"? E che ne so, mica c'era un problema, prima che un #sindaco se lo inventasse. 🤦‍♂️

@rafu
La lotta al "degrado", cioè l'obiettivo di fare divertire solo quelli coi soldi e far guadagnare solo i locali itajani con il cocktail a 8 euro , nasce molto tempo fa.
Il covid permette i classici due piccioni con una fava, visto che se risalissero i contagi c'è già il capro espiatorio del giovane con la birra in una regione che ancora non traccia i contagi e fa parlare Gallera.
Tutto regolare.
@abuzzo3

@socialpariah "fare divertire solo quelli che SPENDONO soldi, purché si divertano all'interno di una determinata casistica e paghino quei soldi entro determinate categorie (fiscali)"

Dai che stiamo arrivando alle più precisa definizione operativa di #degrado e lotta al medesimo che si sia mai vista!

@abuzzo3

@rafu @abuzzo3

Ho visto qualcosa girare per mastodon, banalmente polarizzato sull'assembramento si/no.

Eppure a me ha ricordato subito l'intento disciminatore verso chi vende al minimarket e chi non consuma con ghiaccio e cannuccia, delle ordinanze dell'Appendino (che ovviamente non hanno intaccato minimamente la movida torinese) o del passaggio del DL Sicurezza per la chiusura dei negozi etnici.

Un altro indice di quanto questo tifo Lockdown vs Assembramento sia deleterio.

Sign in to participate in the conversation
NEBBIA

Nebbia è libera, antifascista, antisessista e antimilitarista